.
Annunci online

celine [ Noi non cambiamo mai! Né calzini, né padrone, né opinioni, oppure cambiamo troppo tardi, quando non ne vale più la pena ]
 


Blog dall'aggiornamento saltuario per avvenuta seconda paternità del titolare. 



Ritagli di sport 


Racconto Fotografico


C'è del Bang&Olufsen in Danimarca

 


Ciao Cipe

 

 



The Right Nation
Walking Class

1972
Calimero
Carlo Menegante
Federalista
Guerre civili
I love America
Jim Momo
KrilliX
Regime Change

 


 





 

 


4 settembre 2003


Le pagelle del governo (25) - fine -

Presidente del Consiglio

Silvio Berlusconi (Forza Italia)

Da Vespa prometteva mari e monti, finora si sono viste poche colline e molti burroni. La compagine di governo non è granché (vedasi le varie teste rotolate) e non riesce a farla marciare unita. Ha sbagliato tutta la triade dei ministri "tecnici": Ruggiero, Lunardi e Sirchia. Sul conflitto d'interessi continua a far finta di non sentire. Interviene a sproposito sulla Rai e la cacciata di Biagi e Santoro è stata un tragico errore. In politica estera ha perlomeno assunto un ruolo chiaro (filoamericana, filoisraeliana, sostenitrice ingresso Turchia e Russia nella Ue) e non altalenante tipico della diplomazia italiana. Ad eccezione della crisi irachena dove si contraddiceva a seconda del leader che incontrava. Sulla giustizia sbaglia regolarmente tempi e modi. Si salva solo il sacrosanto Lodo Maccanico. Di grandi opere non se ne vede ancora nessuna e sicuramente Mose e Ponte sullo Stretto saranno ancora vaghi progetti quando finirà la legislatura.      

Voto: 5-

Colonna sonora: Povera patria (Franco Battiato)




permalink | inviato da il 4/9/2003 alle 16:17 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (12) | Versione per la stampa
sfoglia     agosto        ottobre